MONTEPRANDONE – In sala stampa mister Izzotti si dice fiducioso nonostante la sconfitta ritenuta troppo severa nel punteggio per l’ottimo primo tempo disputato dai suoi, e afferma che a Grottammare, nel derby della Riviera, andranno per vincere.
Improvvisamente scoppia un aspro battibecco tra il tecnico fanese Gaudenzi – durante la sua intervista – e il diesse Cicchi. Prima della lite il disponibilissimo direttore sportivo del Centobuchi si era concesso ai microfoni.
«Il Fano riprende la sua ascesa nella parte alta della classifica ma soprattutto noi subiamo una frenata nella rincorsa ad una posizione più tranquilla  – aveva detto – Risultato indubbiamente troppo pesante e un pò bugiardo. Gara dai due volti con un primo tempo tutto di marca del Centobuchi che se chiudeva in vantaggio non avrebbe rubato nulla. Mentre nel secondo tempo è uscito il Fano soprattutto a centrocampo, ha trovato il vantaggio e poi con la forza di cui dispone ha legittimato il risultato in contropiede».
«Ma sullo 0-1 il loro portiere ha fatto due interventi miracolosi. Comunque ai miei ragazzi non rimprovero nulla anzi faccio loro i complimenti perché li ho visti battersi come undici leoni. L’arbitraggio? Per me è stato a senso unico, l’espulsione al nostro tecnico è stata ingiusta in seguito ad un fallo a nostro favore non visto» ha proseguito.
«Ci tengo a sottolineare la differenza dei valori in campo non si è vista nel primo tempo ha poi concluso – Loro sono una corazzata costruita per vincere con grandi nomi basta sapere che volevano Bonfiglio che poi è finito a Vasto per 90 mila euro ebbene noi con questa cifra ci abbiamo allestito tutta la rosa. Avevamo una sola prima punta di ruolo Cardinali perché Miani si è infortunato ancora in allenamento, ci toccherà tornare sul mercato per riempire il vuoto. Inoltre stanno per entrare nuovi soci nella nostra società che affiancheranno il presidente Marocchi».
Soddisfatto il tecnico del Fano Gaudenzi: «Non guardiamo quelli che ci stanno davanti, ma quelli che ci stanno dietro, da li possiamo capire che campionato stiamo facendo. In questo torneo ci sono tutte squadre fisicamente ben messe e anche il Centobuchi ci rientra in questa costatazione. All’inizio abbiamo subito soprattutto le incursioni di Smerilli. Di questa partita mi preoccupava Corradetti che io stimo ma lo ritengo un giocatore che tende a provocare ammonizioni ed espulsioni altrui».
E qui scoppia la discussione tra il diesse Cicchi, in difesa del suo tesserato e l’allenatore ospite che poi verrà sostituito dal direttore sportivo Pomilio che conclude: «Vittoria importante per noi forse con un punteggio troppo ampio ma contro una squadra forte agonisticamente. Onore delle armi al Centobuchi».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 589 volte, 1 oggi)