PESCARA – Di Matteo escluso dalle liste del Partito Democratico per le elezioni regionali in Abruzzo. Le condizioni dettate dall’Italia dei Valori di escludere dalle liste candidati con carichi giudiziari pendenti ha determinato dopo numerose trattative l’esclusione dell’ex assessore regionale, nonostante la sua partecipazione alle primarie e i 4700 voti di preferenza incassati dagli elettori.

Antonio Di Pietro sull’esclusione di indagati era stato categorico: «Via gli indagati dalle liste della coalizione altrimenti salta l’alleanza».

La decisione del Pd pertanto è stata determinata dal salvaguardare i termini dell’accordo i dipietristi, ragion per cui il segretario regionale del Pd Luciano D’Alfonso ha ribadito l’impegno del Pd a «non avere candidature problematiche per l’alleanza» e ha assicurato che Di Matteo sarà utilizzato come «risorsa a disposizione dell’intera alleanza una volta chiarite le sue vicende personali».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 737 volte, 1 oggi)