MARTINSICURO – Proseguono gli incontri organizzati dal Comune di Martinsicuro al fine di sensibilizzare i cittadini sull’esecuzione di una corretta raccolta differenziata. Dopo il primo meeting con gli amministratori di condominio, è stata la volta nei giorni scorsi degli operatori turistici, balneatori e albergatori, e degli esercizi commerciali. Argomento da affrontare quello del rispetto delle regole, ossia tenere i bidoni della spazzatura all’interno degli edifici privati e immetterli su strada solo la sera precedente al ritiro da parte della ditta. Questo per evitare soprattutto in estate, miriadi di cassonetti stracolmi che per giorni stazionano pieni di rifiuti lungo le strade: spettacolo oltre che poco edificante agli occhi dei turisti anche poco igienico dal punto di vista sanitario, soprattutto per i bidoni dell’umido che causano cattivi odori.

Ma alla serata di lunedì scorso in sala consiliare si sono presentate solo pochissime persone.

«Abbiamo provveduto a pubblicizzare la serata – ha dichiarato l’assessore all’Ambiente Massimo Vagnoni – attraverso locandine e manifesti diffusi nei locali pubblici. Il fatto che siano intervenuti solo in pochi denota un profondo disinteresse all’argomento».

L’assessore, affiancato dal sindaco Di Salvatore e ad altri componenti della giunta ha comunque provveduto a ribadire l’importanza della collaborazione da parte di tutti per riuscire a migliorare il servizio di raccolta differenziata in città. Anche per gli esercizi commerciali, così come per i condomini, il Comune ha deciso di applicare multe e sanzioni qualora i bidoni della spazzatura continuino a stazionare su strade e marciapiedi come è accaduto finora.

«Abbiamo incaricato un collaboratore comunale e un vigile urbano – ha concluso Vagnoni – di girare per la città per verificare le infrazioni ed effettuare le relative multe».

A breve verranno organizzati anche incontri con i cittadini nei diversi quartieri sempre sul tema di una corretta esecuzione della raccolta differenziata.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 684 volte, 1 oggi)