PORTO SAN GIORGIO – C’era grande attesa per il match Premiata-Fortitudo, entrambi reduci da una vittoria con la Snaidero Udine ed una sconfitta. La squadra di casa ancora alla ricerca di un Direttore Sportivo (Vacirca, ex Dt di Capo d’Orlando è arrivato a Montegranaro per valutare l’eventuale offerta)  e la Fortitudo in difficoltà per la mancanza di elementi importanti (Bagaric e Gordon infortunati e Forte a rischio taglio).

Alla fine l’ha spuntata la Premiata 91-89, alla termine di una partita emozionante animata da un straordinario equilibrio che fino alla fine ha lasciato con il fiato sospeso i 3200 spettatori del Palasavelli.
Inizia bene la Premiata conquistando il vantaggio che si riduce già alla scadere del primo tempo.

All’avvio del terzo quarto la rimonta Fortitudo porta al sorpasso con i tre tiri liberi di Woods e, con Malaventura e Mancinelli precisi dall’arco, la squadra ospite arriva al suo massimo vantaggio (60-67), ma la Premiata non ci sta. Provvidenziale la prima tripla di Flamini, anche l’ex Fortitudo Cavaliero mette i suoi tre punti e la schiacciata di Hunter conclude il terzo quarto sul meno 3 (67-70).

Nell’ultima frazione di gioco la Premiata rimane sempre in partita fino a riguadagnare il suo vantaggio con una tripla di Garris (81-80). Sale sempre più la tensione tra le due tifoserie che partecipano a suon di cori ma la Premiata ha la meglio per la gioia di coach Finelli, che ha gestito la squadra in maniera impeccabile prediligendo la difesa a zona, cambi indovinati e trovate tattiche dell’ultimo minuto.

La squadra di coach Sakota, sul 90-89 ad un soffio dalla fine, tenta l’ultima colpo con un fallo sistematico su Hunter che mette 1/2 dalla lunetta. Nell’ultimo secondo ci riprova Mancinelli, ma niente da fare il rimbalzo allo scadere è per Hunter (l’ultimo dei 14 recuperati), che tira in alto la palla per la gioia dell’inattesa vittoria (91-89).
Buona la prestazione della Premiata che ormai può contare su un quartetto americano di tutto rispetto quale Hunter, Minard, Taylor e l’immancabile Garris. Positiva anche la gara di Cavaliero e Flamini ma c’è ancora molto da lavorare in vista del prossimo scontro fuori casa con l’Armani Jeans Milano, previsto per domenica alle 12.

TABELLINO 91-89
Premiata Montegranaro: Hunter 17, Minard 19, Garris 15, Foresi ne, Portannese ne, Cavaliero 8, Filloy 4, Chiaramello 2, Temperini ne, Flamini 3, Helliwell 6, Taylor 17. All. Finelli
Fortitudo Bologna: Huertas 9, Mancinelli 24, Cittadini, Malaventura 17, Lamma, Slokar 5, Zanata ne, Borra ne, Woods 23, Landuzzi ne, Achara 11. All. Sakota
Arbitri: Lamonica, Seghetti, Mastrantoni
Note: parziali 22-21, 48-45, 67-70. Tiri da due Montegranaro 24/38, Bologna 20/31; tiri da tre Montegranaro 10/26, Bologna 10/20; tiri liberi Montegranaro 13/17, Bologna 19/23; rimbalzi Montegranaro 32, Bologna 23; assist Montegranaro 10, Bologna 7.
Nessun uscito per cinque falli.
Spettatori: 3.200 per un incasso di 15mila euro

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 402 volte, 1 oggi)