SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Prosegue l’iter della Conferenza dei Servizi per la messa in sicurezza del torrente Albula tramite la realizzazione delle casse di laminazione o contenimento iniziato circa un anno e mezzo fa. Questa volta è toccato al comune capofila di San Benedetto fungere da sede per l’incontro tenutosi nella tarda mattinata di lunedì.

A fare gli onori di casa il sindaco Giovanni Gaspari accompagnato dai dirigenti Germano Polidori (Settore Comunale Sviluppo del Territorio) e Davarpanah Farnush (Direttore Settore Progettazione). In rappresentanza del Consorzio di Bonifica Aos-Tenna Tronto erano presenti il direttore tecnico Renato Del Papa, Marco Del Prete in qualità di tecnico e Olivo Soverchia, amministratore.

Per il comune di Acquaviva l’assessore Roberto Fulgenzi; l’architetto Fabio Menzietti per Grottammare e l’ingegner Alessandro Lucciarini per Ripatransone. A rappresentare lo studio “Idroprogetti” di Milano l’ingegner Gesulado Bavecchi. La Conferenza, aperta dall’ingegner Marco Cicchi in qualità di segretario e Rup, è servita per fare il punto ed apportare i correttivi al progetto per la messa in sicurezza del fiume.

Tra questi il raggruppamento delle casse numero uno e due in un’unica soluzione. Adesso la “Idroprogetti” avrà tempo fino all’11 di novembre per redigere il nuovo piano in base alle indicazioni dei membri. Una volta redatto nella sua nuova veste lo si presenterà al vaglio del Comitato Tecnico di Controllo dell’Accordo con la Regione (fine novembre) per l’approvazione in linea tecnica del progetto preliminare (senza gli esporpri).

Mentre per il 17 novembre è prevista una riunione del tavolo tecnico per la verifica di conformità ai Prg dei vari comuni interessati. Per abbreviare i tempi i comuni interessati hanno concordato di presentare il progetto davanti ai rispettivi consigli comunali. A meno di intralci il bando per i lavori dovrebbero partire nel primo semestre del 2009.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 863 volte, 1 oggi)