SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Metodi e progetti attuati per il recupero dei malati ed il loro graduale reinserimento nella società. E’ stato questo il tema dominante nella “conviviale” organizzata dal Rotary Club di San Benedetto del Tronto, svolta nella serata di venerdì 24 ottobre, per conto del Rotary Club di San Benedetto del Tronto Nord, all’Hotel Progresso, con lo scopo di raccogliere fondi per il Dipartimento di Salute Mentale di San Benedetto del Tronto.

Presenti il Giuseppe Petrone, direttore Asur Marche Zona territoriale 12 che ha sottolineato come: «Siano importanti i contributi da parte di associazioni e privati che, oltre all’intrinseco valore economico, testimoniano il coinvolgimento della comunità in un’attività tanto nobile quanto indispensabile. E’ prezioso tutto ciò che contribuisce a migliorare lo stato dei servizi offerti».

Tra i vari programmi è stato ricordato il progetto della “fabbrica dei fiori” che molte soddisfazioni ha dato in quasi dieci anni di attività. Alla serata hanno partecipato l’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di San Benedetto Loredana Emili, Massimo Esposito, direttore amministrativo ASL nonché socio del Rotary Club di San Benedetto, Franco Guidotti, responsabile del Dipartimento di Salute Mentale di San Benedetto del Tronto, Marcio Giri, responsabile del Centro Diurno,  Mariella Marcheggiani, responsabile socio-amministrativo del Centro Diurno.

Non hanno altresì mancato di testimoniare la loro presenza il Presidente del Rotary Club San Benedetto Nord Filippo Olivieri, che ha consegnato al responsabile del dipartimento di salute mentale la somma di duemila euro che si aggiungono al contributo di 940 euro elargito dal Rotaract. Sono intervenuti anche Gabriella Ceneri, Presidente del Rotary Club di San Benedetto Luca D’Aurizio, Presidente del Rotarct di San Benedetto del Tronto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 697 volte, 1 oggi)