SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Forza Italia torna a scagliarsi contro la riorganizzazione degli uffici del Comune impostata dall’amministrazione comunale tramite il consulente Giovanni Xilo. «Gli effetti maldestri della costosa operazione si vedono nello Sportello Unico per le Attività produttive, che ad un anno di distanza ancora non esiste». Lo sostengono i consiglieri comunali Bruno Gabrielli e Giovanni Poli: «Ci risulta che manchi la dotazione organica per l’istituzione dello Sportello, che dovrebbe servire a semplificare le pratiche per l’avvio di attività produttive».
Il sindaco Gaspari controbatte dando una versione totalmente differente: «La nostra amministrazione ha approvato l’unico procedimento di Sportello Unico nella storia della città. Altri sette procedimenti sono in itinere e presto arriveranno all’approvazione del Consiglio comunale. Non capisco come si possa dire il contrario».
Negli ultimi giorni in Comune sono arrivate delle richieste per due importanti progetti: si tratta di un nuovo albergo a 4 stelle sul lungomare, di cui sambenedettoggi si è occupata qui, e del progetto presentato dalla Gem Elettronica per la realizzazione di un centro ricerche tecnologiche in zona Santa Lucia.
Su queste due richieste Forza Italia ha qualcosa da dire, non nel merito ma nel metodo: «La paralisi dell’attività amministrativa – accusa Bruno Gabrielli – genera anomalie, come il fatto che le richieste passino per la giunta comunale. Qui si avanti a colpi di discrezionalità, mentre nel presunto Sportello Unico ci lavora un funzionario che fino a pochi mesi fa stava al settore Cultura e la funzionaria del settore Commercio è stata trasferita al settore Cultura».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 812 volte, 1 oggi)