GROTTAMMARE – Deluso ma comprensivo, il presidente del Grottammare Amedeo Pignotti è il primo a concedersi ai microfoni dopo il pareggio casalingo con il Tolentino: «Sono un po’ amareggiato per la vittoria sfuggita causa un episodio nel finale. Ma questo non cancella una prestazione che fin li era stata buona soprattutto nel primo tempo».
«Appena finita la gara sono sceso negli spogliatoi, ho voluto far sentire ai ragazzi la mia presenza spronandoli e incitandoli a non abbattersi: questi episodi fanno parte del calcio. Quattro punti dopo sei gare sono pochi ma abbiamo tempo e modo per aggiustare la nostra classifica» ha concluso Pignotti.
Il tecnico Scarfone analizza le correzioni da fare: «Ci dispiace ma accettiamo il verdetto del campo. Non abbiamo ancora la cattiveria agonistica, devo continuare a lavorare per trasmettere loro queste doti. Abbiamo peccato di ingenuità e siamo calati di concentrazione nella ripresa».
«Ho parlato con la squadra negli spogliatoi a fine gara. Intanto, però, questi sono punti persi che non ritrovi più nel cammino. Queste sono partite strane nelle quali bisogna stare attenti, concentrati fino alla fine e non sentirsi al sicuro perché l’avversario non si renda pericoloso».
Al posto del mister cremisi Favi, provato dalla scomparsa di un caro amico, si è pressentato in sala stampa il suo secondo Sirolesi: «Soddisfazione per il risultato non per il gioco. E’ vero che abbiamo preso il gol su un nostro errore difensivo ma per quasi tutto il primo tempo abbiamo subito la loro determinazione e i loro attacchi apparendo troppo impacciati. Comunque ne è uscito un punto importante per noi».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 393 volte, 1 oggi)