SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Duro attacco alla giunta Gaspari da parte di Alleanza Nazionale, che tramite due suoi consiglieri comunali (Pasqualino Piunti e Luca Vignoli) si lancia in un cahier de doleances sulle opere pubbliche rinviate dai programmi di bilancio per motivi di varia natura.
Vignoli accusa la giunta Gaspari di fare una «politica degli annunci», «un’azione per la città che si può definire come poco più di un’ordinaria manutenzione». «A mala pena portano avanti opere finanziate da noi del centrodestra». Vignoli ha calcolato in circa 4,8 milioni di euro il totale dei fondi destinato a opere pubbliche rinviate o differite nel tempo. Si va dall’ampliamento della scuola Alfortville alla piazza San Pio X, passando per l’ascensore del parco di via Saffi e la riqualificazione di via Crispi, fino alla questione di via Montebello, dove per ora non sarà realizzata una piazza al posto del mercato delle Erbe in demolizione (si dovrebbe attendere infatti la realizzazione di un parcheggio sotterraneo).

Vignoli parla poi di opere “sospese” con finanziamenti a carico di terzi, come il nuovo campo da rugby all’Agraria, la pista di pattinaggio indoor e il sottopasso di via San Giovanni, quest’ultimo protagonista della annosa convenzione con la Coop relativa all’apertura del centro commerciale Porto Grande.

«Un discorso a parte merita lo stanziamento delle risorse per il bilancio partecipato – aggiunge Vignoli – partito sparato con due milioni di euro l’anno, ridotti poi a un milione, e che ora dopo l’ennesima riduzione si appresta ad arrivare a 675mila euro».
Il collega di Vignoli Pasqualino Piunti accomuna il sindaco Gaspari con il presidente della Provincia Rossi: «Imbattibili nella politica degli annunci, dal catamarano per fare pranzo in Croazia, al porto che diventa come quello di Genova, ai tunnel sotto il mare, passando per l’associazione dei Comuni e i parcheggi silos».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 535 volte, 1 oggi)