TERAMO – La Provincia di Teramo promuove la partecipazione dei cittadini sulle scelte decisionali dell’Ente. E’ stato attivato infatti sul sito della Provincia di Teramo il progetto “PartecipaTe”, che contiene servizi interattivi per consentire ai cittadini di dialogare con gli amministratori e di partecipare attivamente al processo decisionale esprimendo opinioni e giudizi sui progetti e sull’attività dell’ente.

In particolare, nella fase sperimentale di progetto, i cittadini saranno consultati, attraverso i forum, su tre temi: il sociale, le politiche giovanili, il patrimonio culturale. In seguito vi sarà la possibilità di gestire comunità virtuali, di misurare il grado di soddisfazione dei cittadini sui servizi offerti dall’ente, di fare formazione in rete, di realizzare un sistema di informazione multicanale (tv, radio, sms). Entro dicembre, inoltre, saranno consultabili direttamente dal sito tutte le deliberazioni di Giunta e Consiglio e tutte le determine dirigenziali.

Tramite una serie di forum e sondaggi è stato scelto anche il logo del progetto e sempre con questo sistema – la consultazione attraverso il sito – nei prossimi giorni, sarà possibile partecipare ad un forum che intende verificare cosa pensano i cittadini della “partecipazione”, del grado di trasparenza attuale dell’ente e come e con quali attività vorrebbero essere coinvolti.

«Con questo progetto – ha spiegato il presidente D’Agostino – vogliamo potenziare ulteriormente il filo diretto con i cittadini,  cercando di compiere quel salto di qualità che può consentirci di passare dall’utilizzo di internet a puri fini informativi alla possibilità di garantire in ogni momento e a più livelli l’interattività degli utenti e la loro partecipazione ai processi decisionali dell’ente».

La provincia di Teramo ha ottenuto un finanziamento di 150 mila euro grazie al progetto “Ted, l’istituzione apre le porte al cittadino” che rientra nell’ambito dei programi di “E-democracy” banditi dal Centro nazionale per l’Informatica della Pubblica Amministrazione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 365 volte, 1 oggi)