SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Non molto tempo fa il vice sindaco Antimo Di Francesco si compiaceva del fatto che il sistema di audio-sorveglianza del Parco Ristori era diventato realtà. Ma con il passare del tempo chi risiede a stretto ridosso del giardino pubblico situato sul luogo della ex Florentia si dichiara sempre più scettico sul funzionamento dell’impianto e sulla sua reale forza di prevenzione.

Sono ancora molte le proteste dei residenti sia per gli schiamazzi notturni, specie nei week-end, che per la sporcizia e gli atti di vandalismo i quali continuano a ripetersi imperterriti con tutto il disagio che ne consegue. «Vogliamo vedere con i nostri occhi se le telecamere sono realmente operanti oppure sono state messe solamente come spauracchi per gli uccelli» dichiarano polemicamente un gruppo di mamme che giornalmente portano i loro piccoli nel parco giochi inaugurato neanche tre anni fa ma che già mostra chiari segni di degrado.

Da parte sua il consigliere del Pdl Andrea Assenti, che a suo tempo si adoperò per l’acquisizione dell’impianto, si dice pronto ad una interrogazione consiliare e rileva: «Oggi le telecamere civetta non bastano più. Occorre che esse siano vero strumento di dissuasione e non semplici trovate posticce».

D’altro canto, la presenza di alcuni locali che nel week-end tengono aperti fino a tarda notte, anche se in tutta legittimità, non aiuta di certo a migliorare la situazione. Sia d’estate che d’inverno ogni sabato notte la zona si riempie di una moltitudine di giovani che si riversano nelle due piazze adiacenti all’ingresso del sottopassaggio di via Mare.

«I ragazzi hanno tutto il diritto di divertirsi dando sfogo alla loro voglia di vivere ma anche noi vorremmo poter riposare in pace visto che molti vengono da una settimana di lavoro» rilevano alcuni abitanti che hanno i loro appartamenti proprio a ridosso di una delle due piazze in questione. Mentre altri si chiedono quando verrà terminato la parte nord del parco che, a tutt’oggi, resta ancora uno spiazzo incolto senza apparente destinazione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 467 volte, 1 oggi)