SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dal consigliere dell’Udc Marco Lorenzetti riceviamo e pubblichiamo.
Una scarsa manutenzione delle catidoie e dei tombini ha causato danni non indifferenti a commercianti e cittadini nelle due zone critiche di Piazza Garibaldi e Centro storico di Porto D’Ascoli.

A Porto d’Ascoli si sono verificati i disagi più evidenti nella zona del centro, dove gli operai del comune non sono per nulla intervenuti e l’acqua ha sommerso marciapiedi e garage per ore. A San Benedetto centro nonostante le numerose assicurazioni del Sindaco giaciono nei cassetti del Comune 748 mila euro stanziati per l’ormai famoso progetto di smaltimento delle acqua bianche di Piazza Garibaldi e Piazza Giovanni Battista, dove l’attuale maggioranza sfoglia ancora la margherita per decidere dove versare le acque piovane nell’Albula o a nord del porto.
Dopo un assessore ai Lavori Pubblici “medico” Vesperini, in attesa di un assessore “Ingegnere“, il Sindaco ha assunto un assessore ai Lavori Pubblici “avvocato” come Sestri per difendere il Municipio dalle tante proteste e malcontenti dei cittadini ma per ora senza nessun risultato conseguito.
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 375 volte, 1 oggi)
0