SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Veicolo di novità e sostegno a nuovi linguaggi con il fine di raccontare le storie che fanno la Storia. Questo è il Premio Libero Bizzarri, che per il suo quindicesimo anniversario, vince l’ennesima sfida: l’Accademia del Documentario, che sancisce l’impegno della Fondazione nella formazione come condivisione di esperienze e competenze, partirà a gennaio con circa venti partecipanti. Ha ufficializzato la notizia il presidente Maria Pia Silla, con intervento di Roberta Garofalo, responsabile della Scuola di formazione regionale che ospiterà parte delle lezioni. I laboratori si terranno nella sede della Fondazione. La partecipazione al corso sarà finanziata con i contributi statali e regionali (48 mila euro erogati a metà dalle due istituzioni). «Un contributo necessario per la prima realtà del genere nelle Marche che proietta tutto il Piceno su un piano culturale di rilevanza nazionale», come ha commentato l’assessore regionale Sandro Donati.

In perfetto accordo con il tema dei “diritti umani”, scelto per l’edizione 2008, l’evento d’eccezione all’anteprima di apertura del festival: mercoledì 8 ottobre, il teatro Concordia ospiterà il premio Nobel per la pace Rigoberta Menchú, che incontrerà prima le scuole (in mattinata) e alle 17 la cittadinanza, per parlare del “diritto alla pace”. Alle 18, sarà proiettato il documentario del 2007 “Las Cruces…Poblando proximo” di Ray Figueroa e Rafael Rosal.

Formazione e memoria, affichè le storie raccontate negli anni dal Bizzarri, dai grandi e dai giovani registi del documentario siano fruibili a tutti. La notizia, già anticipata, è stata confermata dall’assessore alla cultura di Grottammare Enrico Piergallini: nasce il progetto della Mediateca all’interno della biblioteca comunale. E’ già in corso l’acquisizione di 15 mila titoli.

Iniziative importanti, che riconfermano il Bizzarri un evento di grande rilievo, in grado di portare la città all’attenzione nazionale quale polo regionale per la promozione e la diffusione del documentario e dell’arte di raccontare le storie e la storia.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 609 volte, 1 oggi)