MONSAMPOLO – Non è solo il maltempo (anche se la pioggia ci ha messo di suo) a fermare nuovamente i lavori di soppressione del passaggio a livello e realizzazione del sottopasso ferroviario a Stella di Monsampolo. La strada, la provinciale 222 “Degli Amori”, è quella che collega la Salaria e il centro abitato di Stella con l’Ascoli Mare e con tutta la zona industriale della Bonifica e della vallata del Tronto. L’attraversamento del passaggio a livello è stato chiuso al traffico viario a metà giugno (i veicoli vengono deviati sulla circonvallazione di Stella e sulla Salaria) e la sua riapertura è prevista per il prossimo 5 dicembre.

Fin qui niente da eccepire, se non fosse che l’attività di cantiere, per gli abitanti e i commercianti del quartiere, è sembrata minima fin dall’inizio. Attività che poi è stata sospesa completamente per tutto il periodo estivo (luglio e agosto) fino al 16 settembre. E da venerdì il cantiere sembra nuovamente deserto. Colpa solo della pioggia? E’ quello che si chiedono i commercianti di via Colombo, la strada sulla quale insiste l’opera, già economicamente provati dalla drastica riduzione del passaggio di una clientela di giorno in giorno sempre più ridotta.

«Sapevamo fin dall’inizio che il blocco del traffico ci avrebbe procurato dei problemi economici – commenta il titolare del Magic Caffé Giancarlo Di Buò  – ma non avevamo messo in conto questi mesi di mancanza di lavoro che fanno prevedere un notevole slittamento dell’apertura della strada. Cosa che per noi diventa insostenibile, alla luce anche della grave crisi in atto. Le notizie sui lavori che riusciamo ad avere sono frammentarie e non verificabili».

Il Comune, scrivono i residenti, è assente, a parte un comunicato stampa a settembre che non ha fatto però che confermare i dubbi che già avevamo sull’andamento dei lavori. Nella nota dell’Amministrazione si parla infatti di problemi sorti dopo l’inizio dei lavori, legati alla particolare struttura geotecnica del luogo e delle interazioni tra struttura ferroviaria e i terreni circostanti, riassicurando comunque sul completamento dell’opera per il mese di dicembre. Il comunicato accenna anche al lievitare dei costi: una somma che si aggirerebbe sui centomila euro.

Per Sonia, titolare di Candem, delizioso negozio di articoli da regalo, le conseguenze sono state più drastiche: liquidazione della merce, dopo aver cercato nei mesi estivi un’altra occupazione.

«In effetti la situazione è estremamente preoccupante – ribadisce Simona, del supermercato Conad Il.An sempre di via Colombo – rispetto alla stagione 2007, l’affluenza dei clienti si è ridotta notevolmente e non è detto che la riapertura della strada garantirà il ritorno di quella clientela che abbiamo perso».

Intanto il Gruppo Consiliare “Cambiare è possibile” del Comune di Monsampolo richiede copia del verbale di sospensione dei lavori e denuncia: «Gli eventuali ritardi nel completamento del sottopasso, che un comune buon senso lascia a questo punto intravedere, non farebbero altro che accentuare i disagi e i danni economici non ulteriormente sostenibili dai cittadini».

Nel frattempo i Consiglieri attendono una risposta alla loro richiesta entro il 12 ottobre rispettivamente: dal Consind che ha emesso il bando dei lavori, dall’impresa appaltatrice e dal Sindaco di Monsampolo, preannunciando l’eventuale segnalazioni alle autorità competenti. «Qualora emergano omissioni di atti d’ufficio, o comportamenti, o ritardi nella riconsegna delle opere non consoni a quanto previsto dalle norme che regolano i contratti pubblici”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 769 volte, 1 oggi)