SAN BENEDETTO DEL TRONTO – In occasione della riapertura delle mense comunali nelle scuole dell’obbligo, mercoledì 1 ottobre, gli assessori Margherita Sorge, Loredana Emili, Paolo Canducci, Eldo Fanini si sono recati nei vari plessi, per portare un saluto agli studenti e ai lavoratori della scuola. L’assessore ai Lavori pubblici Sestri si recherà invece domani in visita nella mensa della scuola di via Mattei.

Tutti gli assessori hanno espresso soddisfazione per la qualità del servizio mensa e per la collaborazione tra Comune e scuole in tutti i settori di intervento, dall’edilizia scolastica (lavori per 200 mila euro sono stati effettuati nel corso dell’estate), al sostegno scolastico, all’animazione, ai progetti di invito alla lettura, alla pratica sportiva e teatrale, e alle attività di educazione ambientale.

L’assessore Sorge si è recata alla mensa della scuola del Paese alto, l’assessore Emili alla mensa Alfortville, l’assessore Canducci alla mensa di via Puglia, l’assessore Fanini alla mensa della scuola Caselli.

Oggi riaprivano tutte le mense tranne che alla scuola media Curzi-Cappella, dove l’avvio del servizio slitta a lunedì 6 ottobre, su richiesta della scuola stessa. Sono stati comunque distribuiti oltre 720 pasti, e ammessi anche i bambini che ancora non erano dotati dell’apposito tesserino elettronico “Junior Card”. I genitori sono naturalmente invitati a ritirare la tessera quanto prima, al pian terreno del Comune, viale De Gasperi 124 (info: 0735.794415).

Il costo dei pasti, comunica il Comune, resterà invariato almeno fino al 31 dicembre. Le casse comunali spendono 1 milione di euro all’anno per il servizio, di cui il 50% coperto da quanto pagato dai genitori dei bambini.

In particolare, le tariffe sono le seguenti: 3,10 euro a pasto per il primo figlio residente, 2,45 euro per il secondo figlio, 1,88 per il terzo e successivi. Per i non residenti i prezzi sono maggiori, rispettivamente di 3,94, 3,06 e 2,30 euro. Le “Junior Card” possono essere ricaricate per un minimo di 10 pasti, presso le tabaccherie o all’indirizzo sopra riportato. Confermato, inoltre, il progetto di animazione nel post-mensa, che costa al Comune ulteriori 54 mila euro annui.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 398 volte, 1 oggi)