CUPRA MARITTIMA – Completo di pelle traslucida e aderente per segnalare l’aggressività femminile con richiami all’immaginario (mica tanto) sado-maso, e poi palloncini rossi a forma di cuoricino, con scritte delle frasi innocenti (o meno) in mano per segnalare invece il lato fanciullesco delle donne: così si è presentata l’artista Tiziana Continuo per l’inaugurazione della mostra “sPrigioni”, che si è tenuta domenica scorsa alla Galleria Marconi di Cupra (ospita opere di Francesco Insigna, Giuseppe Lana, Filippo Leonardi, Enrico Salemi, tutti artisti siciliani).

Così vestita, la Continuo ha passeggiato dalla Galleria alla vicina Piazza della Libertà, destando la curiosità e l’interesse dei pochi e infreddoliti cuprensi e dei passanti in automobile, come testimoniano le fotografie scattate da F for Fake.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.341 volte, 1 oggi)