ASCOLI PICENO – «L’istituzione di una Commissione d’indagine, per fare chiarezza sugli errori e sulle illegittimità commesse, avrebbe evitato che i responsabili potessero continuare ad operare indisturbati. Chi ha reso vano tale tentativo deve essere considerato corresponsabile della mala gestione»: Gianfranco Rotondi, ministro per l’Attuazione del Programma del governo Berlusconi e segretario nazionale della Dc per le Autonomie, si esprime sulla situazione del Consorzio Industriale, sommerso dai debiti e al centro del dibattito politico provinciale.
«È svantaggioso sopprimere una struttura disponibile, solo perché mal gestita da una politica senza controlli – dichiara il vicesegretario provinciale della Democrazia cristiana per le autonomie, Francesco Petrelli, riguardo la struttura consortile del Piceno Consid – Ha ragione il vicepresidente dell’assemblea legislativa regionale, l’avvocato Vittorio Santori di Forza Italia – continua Petrelli – la struttura consortile e le finalità istituzionali risultano ancora adeguati al nostro territorio che soffre da anni, più di ogni altra provincia marchigiana, la mancanza di infrastrutture e di un reale piano di sviluppo delle attività produttive».

«La Regione Marche – conclude Francesco Petrelli – titolare di una partecipazione pari al 30% del capitale del Consind, nonché per legge titolare della funzione di controllo, adesso che ha anche insignito un assessore al Piceno, se davvero intende esercitare i propri diritti e le proprie facoltà nell’interesse dei cittadini del nostro territorio non si lasci sfuggire anche l’opportunità offerta dalla vicenda del Consind».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 678 volte, 1 oggi)