FERMO – Vuole vendere della cocaina a due finanzieri in borghese e viene arrestato. Accade a Lido di Fermo, dove i militari si trovavano per una missione di tutela dei diritti d’autore, nel corso della quale avevano sottoposto a sequestro circa 300 compact disk e DVD illecitamente riprodotti.

Mentre sostavano a bordo di un’autovettura “civetta”, si è presentato lo spacciatore, trentatreenne albanese regolarmente residente a Porto Sant’Elpidio da molti anni, che avendoli evidentemente scambiati per altre persone, ha cominciato a bussare con insistenza sul vetro anteriore; quando i militari sono scesi dall’auto, “M.E.” – queste le iniziali dell’uomo – si è accorto del grossolano errore e, avendoli probabilmente individuati quali appartenenti alle Forze di Polizia, si è dato a precipitosa fuga attraversando la Statale Adriatica ed immettendosi, quindi, in un campo di mais.

I militari, insospettiti da tale comportamento, si sono quindi subito posti all’inseguimento dell’uomo che, vistosi spacciato, ha cercato di disfarsi tra le piante di mais di alcuni involucri di cellophane – risultati poi contenere circa 50 grammi di cocaina – recuperati però dagli inseguitori.

Per l’albanese è scattato quindi l’immediato arresto e, dopo gli adempimenti di rito, è stato associato presso il Carcere di Marino del Tronto (AP), a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Fermo.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.025 volte, 1 oggi)