TERAMO – Pieferdinando Casini è giunto ieri venerdì 26 settembre a Teramo per lanciare la campagna elettorale dell’Udc per le regionali. Per l’occasione è stata organizzata la festa provinciale del Partito, che si terrà fino a domenica 28 presso il Palazzetto dello Sport di Scapriano, tra spettacoli musicali, teatro e cabaret, incontri e dibattiti. Nella giornata di sabato, alle ore 21 parlerà Giampiero Delia, presidente del Gruppo Udc al Senato, mentre domenica alle 21,30 sarà la volta del segretario nazionale Lorenzo Cesa e del commissario regionale Antonio De Poli.

Nel corso della serata di venerdì Casini non si è sbilanciato sulle possibili alleanze politiche per le elezioni regionali, e ha criticato sia la giunta di centrosinistra di Del Turco che la precedente di centrodestra Pace. «C’è stata continuità tra loro – ha affermato Casini – nella cattiva amministrazione. La classe dirigente abruzzese negli ultimi anni è stata chiusa e autoreferenziale. Ad ogni modo sono un garantista e aspetto che siano i giudici a decidere. Ora però c’è bisogno di voltare pagina, e sia centrodestra che centrosinistra devono mostrare discontinuità rispetto al passato».

L’Udc ha ribadito che eventuali alleanze saranno fatte solo se si avrà la garanzia di poter realizzare con gli alleati i propri intenti di programma, ma nella corsa alle elezioni abruzzesi non è escluso nemmeno che Casini si prepari ad affrontare una corsa solitaria.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 461 volte, 1 oggi)