SAN BENEDETTO DEL TRONTO – «Ci eravamo illusi; poi la doccia fredda». Le parole del comitato di quartiere San Filippo Neri non lasciano spazio a incomprensioni.
In una lettera aperta, il presidente Antonio Pompili chiede che rimanga fermo il proposito di Comune e Fondazione Carisap verso la riqualificazione dell’area nord della città: «Non vorremmo essere “partigiani”, ma non c’è chi non veda, compreso partiti, politici ed associazioni, che tutta l’area nord deve trovare maggiore attenzione per una sua radicale riqualificazione. La meraviglia invece è quella di leggere ogni giorno su tutti i quotidiani locali da parte degli stessi partiti, dirigenti politici ed anche associazioni, proposte ed aree alternative che hanno già una loro funzione e collocazione ben definita e per le quali sono state già impegnate ingenti risorse economiche, sia nel passato recente che nel futuro prossimo».
E il riferimento va alle opinioni espresse per esempio da Forza Italia, sulla presenza di altre zone dove la Fondazione potrebbe investire se il Ballarin rimarrà inalienabile.
Continua l’opinione del comitato: «Fa bene il sindaco Gaspari a sostenere che l’intervento proposto dalla Fondazione Carisap debba essere realizzato nell’area Ballarin, ed a cercare quindi idonea soluzione al problema sorto portando avanti la proposta iniziale per il quale questo Comitato indicava che tutta l’Area Nord andava riqualificata ed il Ballarin, ormai famoso non più per le vicende sportive, andava utilizzato come “area di interesse ed uso pubblico” per essere fruibile da parte di tutti i cittadini, sambenedettesi e non».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 618 volte, 1 oggi)