GROTTAMMARE – Mancano poco più di due settimane al via della quindicesima edizione del Festival del documentario Premio Libero Bizzarri che si svolgerà dal 10 al 18 ottobre nei comuni di San Benedetto del Tronto, Grottammare e Cupra Marittima e durante un incontro presso il Comune di Grottammare si è parlato del ritorno alla manifestazione, dopo il buon debutto dell’anno passato, de “Il nostro tempo è ora”, sezione ideata, progettata e coordinata da un gruppo di giovani della Fondazione Bizzarri. I documentari che parteciperanno alla categoria ruoteranno attorno a tematiche giovanili, cercando di raccontare le esigenze e le difficoltà delle nuove generazioni nel mondo contemporaneo, utilizzando linguaggi e strumenti innovativi.
Parallelamente esordirà una nuova sezione, Oltretempo, che pur trattando situazioni analoghe tenterà di fornire una prospettiva fluida tra passato, presente e futuro.
Enrico Piergallini, vice sindaco e assessore alla cultura, sottolinea la bontà dell’iniziativa: « Per “Il nostro tempo è ora” abbiamo un occhio di riguardo, in quanto è dai giovani per i giovani, è una finestra aperta sul futuro. Più i ragazzi acquistano familiarità con il mezzo cinematografico e più saranno in grado di leggere tra le righe della realtà che i media gli propongono».
La giuria popolare che deciderà quale documentario si aggiudicherà il premio di 2000 euro sarà composta anch’essa da giovani. E’ possibile diventare membro della giuria visitando il sito della fondazione e chiedendo di partecipare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 510 volte, 1 oggi)