Da Riviera Oggi numero 743

CUPRA MARITTIMA – C’è una ricorrenza che ogni anno a settembre ripopola le vie di Marano. È la festa che si tiene presso la Chiesa del Suffragio, in onore alla Madonna Addolorata e a San Gabriele. Quest’anno ad esempio sarà celebrata dal 14 al 21 settembre. Don Gerardo Di Girolami, parroco di Cupra, ne illustra la storia.

«La chiesa del Suffragio fu costruita a Marano nel 1700 e fu dedicata alla Madonna. Ogni anno si celebra quindi la festa in suo onore. Un ruolo importante – prosegue il parroco – lo occupano la “confraternita del Suffragio” che si occupa dell’organizzazione e le “Priore”, 12 ragazze che seguono in processione la Madonna».

Nota Don Gerardo: «Oggi questa usanza si è persa. Prima le ragazze desideravano entrare a far parte delle Priore anche perchè per seguire la Madonna in processione dovevano avere, per tradizione, tutto il vestiario nuovo. Ora nemmeno l’emozione di avere dei vestiti nuovi spinge le giovani a partecipare».

La festa subì un’interruzione dal 1968 al 1978. «In quel periodo io mi trovavo fuori, e chi mi sostituì a Cupra non annunciò mai l’elenco delle Priore che dovevano partecipare alla processione, sospendendo i festeggiamenti».

La festa di San Gabriele invece, che si teneva in estate, sempre a Marano, non era molto sentita dalla popolazione. Dal 1978 fu quindi unita a quella della Madonna del Suffragio: «Essendo San Gabriele un passionista – conclude Don Gerardo – era un devoto alla Madonna Addolorata, e fu possibile così coinvolgere le due tradizioni religiose, conferendo ad entrambi il giusto peso».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 644 volte, 1 oggi)