RIPATRANSONE – Il museo Luigi Mercantini diventa il luogo privilegiato delle Marche per conoscere il lungo percorso storico che dalle insorgenze napoleoniche ha condotto la nostra regione all’Unità d’Italia. In occasione del bicentenario della nascita del Regno d’Italia Napoleonico l’amministrazione ha indetto, sabato 13 settembre alle ore 17, nella sede del museo, il Palazzo Bonomi-Gera, la conferenza“Ripatransone tra ‘700 e ‘800. Dalle insorgenze al Regno d’Italia” di Daniele Diotallevi, storico dell’arte della Soprintendenza Bsae Marche-Urbino, per riflettere sul significato del Risorgimento a partire dalla breve ma fondamentale storia del Regno Italico.

Il museo storico, dedicato al celebre poeta risorgimentale Luigi Mercantini, nativo di Ripatransone, ospita e promuove questa conferenza per comprendere l’importanza della storia del Regno Italico, che oltre a portare profondi mutamenti economici, amministrativi e sociali in terra marchigiana ha gettato le basi ideologiche e morali della storia italiana e europea.

L’amministrazione comunale di Ripatransone grazie alla Fondazione Carisap e alla Regione Marche, alla cura scientifica di Gino Troli e alla consulenza per le collezioni delle armi di Daniele Diotallevi, ha aperto negli scorsi anni la seconda realtà museale delle Marche dedicata al Risorgimento, incrementando il già rilevante patrimonio museale.

L’iniziativa si inserisce nell’attività di studio, ricerca, promozione avviata dalla rete museale Musei Piceni cha ha posto a sistema nel territorio piceno le importanti realtà museali di Offida, Ripatransone, Montefiore e Monterubbiano.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.037 volte, 1 oggi)