SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Al teatro comunale Concordia si terrà un altro interessante appuntamento con i Teatri Invisibili.
Venerdì 12 settembre, a partire dalle 21,30 la compagnia Vicolo Corto proporrà lo spettacolo “Dramlot. Ipotesi tragica per maschera comica” con Loretta Antonella, Massimo Barbini, Francesco Giarlo, Laura Graziosi, Monia Papa, Stafano Tosoni, costumi di Licia Lucchese e Caterina Volpato, luci di Massimiliano Romanelli, scenografie di Niba & Mao, aiuto regia di Manuela Massimi e regia di Michele Modesto Casarin.
“Dramlot” è un viaggio attraverso la Commedia dell´Arte, che si allontana dalle solite tematiche della maschera comico-farsesca, elaborando una serie di testi “alti” e drammatici quali “Elettra” di Euripide, “Il lutto si addice ad Elettra” di O´Neill, “Amleto” e “Macbeth” di Shakespeare e altri ancora. Tutto ciò ha permesso di giocare su quelle che sono le meschinità dell’uomo: l’ambizione, il sopruso, il rancore, la vendetta e altre nefandezze. Dunque, attraverso la maschera, gli attori sul palcoscenico diventano una sorta di “parafulmini” atti a esorcizzare paure e debolezze del pubblico tramite momenti di divertimento e di gioco.
Tale caleidoscopio è stato riassunto nel titolo “Dramlot”, ovvero “dramma inventato”, parafrasando il termine Gramlot, messo in uso da Dario Fo, il quale significa letteralmente “linguaggio inventato”. La compagnia Vicolo Corto nasce all´insegna della commistione dei linguaggi teatrali: sin dal 1999 calca la scena con produzioni originali, percorrendo con passione nuove vie, nella convinzione che non esista una tipologia di spettacolo migliore di un’altra, ma che il teatro vada vissuto in tutti i suoi aspetti a 360 gradi.
il biglietto di ingresso costa 8 euro. Per informazioni visitare il sito internet www.teatriinvisibili.splinder.com .

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 484 volte, 1 oggi)