MARTINSICURO – Con la fine dell’estate termina anche la sosta a pagamento sul lungomare di Martinsicuro. E se a fine settembre scade il contratto con l’Aipa – la società che gestisce i parcheggi blu – e il sindaco Di Salvatore ha già più volte ribadito di non voler rinnovare la convenzione e di far tornare a sostare liberamente sull’intero litorale truentino, il gruppo di Città Attiva si schiera contro tale decisione.

«Il sindaco vuole abolire i parcheggi a pagamento – scrive Paolo Camaioni – non per effetto di un ragionamento analitico, di prospettiva, ma semplicemente perché “nessuno li vuole”».

La sosta libera sul lungomare, per il capogruppo di opposizione, dovrebbe essere invece permessa solo ad alcune determinate condizioni, come ad esempio ai residenti o ai turisti che sono ospitati presso le strutture ricettive di Martinsicuro dove hanno già un posto auto gratuito, e che si recano al mare per lo più a piedi o in bicicletta.

«Si chiederebbe invece un giusto contributo – prosegue Camaioni – a coloro che provengono dalle cittadine limitrofe e che decidono di trascorrere sulle nostre spiagge soltanto porzioni di giornata; è da sottolineare infatti che, oltre all’occupazione del parcheggio e quindi del suolo pubblico, il nostro Comune si fa carico di raccogliere i rifiuti lasciati nei cestini e purtroppo sulla spiaggia o sulla strada e come ben sappiamo tutto ciò ha un costo che riteniamo giusto non sobbarcarci solo noi residenti».

Strisce blu per Città Attiva anche lungo i tratti di lungomare antistante il biotopo costiero.

«I parcheggi a pagamento – conclude Camaioni – costituiscono la misura della civiltà di una città, per il semplice fatto che disincentivano all’impiego dell’auto, aumentando il livello di sostenibilità ambientale del contesto urbano e danno la possibilità all’Ente di beneficiare di un’entrata importante senza ridurre sul lastrico chi è chiamato a versarla; creano, nella peggiore delle ipotesi, una maggiore disponibilità di posti auto».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 682 volte, 1 oggi)