GROTTAMMARE – È sembrato un salto nel passato. Sabato 30 agosto, per la “Notte delle Energie”, con il centro cittadino chiuso al traffico, così come anche una porzione del Lungomare della Repubblica. Ed è servita davvero tutta una notte per seguire tutti gli eventi organizzati per l’occasione.

Fra i balli latino americani dei bambini e ragazzi della scuola Bailando, il concerto dei “Jonathan ed i belli dentro”, la mostra sulla cartografia dell’Adriatico, l’esposizione di acquari marini e dei piccoli strumenti da pesca, le proiezioni di film, la fila di stand de “L’antico e le palme”, quella dei prodotti tipici piceni, la Filiera corta, i festeggiamenti dei 50 anni di attività della gelateria Camelli con i menestrelli Ermanna e Tonino e l’organetto di Luciano Rubicini.

Senza contare la rappresentazione dei balli e della musica tipici della Romania: «In questi giorni – hanno spiegato i membri del gruppo – avete sentito solo brutte notizie riguardo il nostro paese, ma in Romania abbiamo anche cose belle, una forte cultura e tradizione».

Altro nodo importante è l’energia dal punto di vista ambientale, con la presenza alla nottata di diverse aziende nel campo delle energie rinnovabili, come Western Co, “Sorgenia Menowatt” ed Energheia, con istallazioni di pannelli solari e ad olio di colza.

Spettacolare, verso la mezzanotte, la luminaria marina, con la disposizione in acqua e sulla sabbia – nella spiaggia libera antistante il Kursaal – di centinaia di lumini, cullati dal mare.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.633 volte, 1 oggi)