SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Uno sguardo diverso a ciò che vediamo ogni giorno, un’emozione inaspettata in un angolo della città o in un oggetto di vita quotidiana. L’immagine e i suoi mille significati, “L’immagine che emoziona”, questa l’iniziativa ideata dall’Associazione Onlus per i disagi esistenziali Antropos, che vuole riscoprire la creatività che si nasconde dentro realtà difficilmente raggiungibili.
«Uno dei metodi della nostra associazione consiste proprio nell’impegnare gli utenti in attività artistiche, per permettere loro di esprimere sentimenti ed emozioni che non vengono sempre fuori nelle situazioni sociali problematiche», spiega il presidente Rossella Capretti.
Sono state messe a disposizione macchine fotografiche usa e getta per 24 partecipanti, (i ragazzi del centro), e le foto, anonime fino alla premiazione, possono essere ammirate e votate da lunedì 1 a sabato 13 settembre, presso la Sala Consiliare del Comune di San Benedetto del Tronto.
L’ultimo giorno, alle ore 10, si terrà la premiazione che prevede come premio al primo classificato, una camera digitale.
La rassegna fotografica, che fa parte delle iniziative del progetto “Sollievo” in cui sono coinvolti i soggetti pubblici e privati locali impegnati nel sociale, è stata realizzata in collaborazione con l’Ambito Territoriale Sociale 21, il Centro Servizi per il Volontariato e l’Amministrazione comunale, che ha messo a disposizione lo spazio espositivo.
Un’importante segno di interazione tra enti e di sensibilizzazione dei cittadini verso le problematiche sociali che fanno parte della realtà del nostro territorio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 863 volte, 1 oggi)