ASCOLI PICENO – La vendita all’asta dei due edifici, rientra nel piano di razionalizzazione del patrimonio edilizio della Provincia finalizzato a dismettere immobili non più funzionali all’attività dell’Ente e ad investire il ricavato in strutture di pubblica utilità moderne ed efficienti. L’avviso d’asta pubblica riguarda la vendita degli edifici ubicati ad Ascoli, l’Istituto tecnico per geometri, Umberto I° e l’ex casa cantoniera Anas di viale Treviri. Gli introiti serviranno a realizzare importanti migliorie nelle scuole superiori cittadine.

«E’ nostra intenzione – spiega l’assessore al Patrimonio Ubaldo Maroni – utilizzare parte del ricavato per realizzare il secondo stralcio del polo scolastico di Ascoli con la costruzione di nuovi spazi per la didattica e i servizi collettivi nell’area del Pennile di Sotto che già comprende l’Istituto tecnico Mazzocchi e che dunque potrà ospitare anche l’ITG Umberto I°, oggi ubicato in parte nell’edificio di Corso di Sotto che ci accingiamo a vendere. Non solo – conclude Maroni – attraverso questa operazione contiamo di reperire le risorse sufficienti per procedere, tra le altre cose, alla ristrutturazione dell’Istituto Tecnico Industriale Fermi, per la quale abbiamo previsto una spesa di 300 mila euro, e della palestra del Liceo scientifico Orsini, un intervento dal costo stimato in 150 mila euro».

L’immobile di Corso di Sotto, che ospita l’ITG Umberto I° (un’antica costruzione oggetto di completo restauro alla fine degli anni ’80) è costituito da 3 corpi di fabbrica con una superficie lorda di 3.115 metri quadrati a cui si aggiunge una corte di pertinenza di 2.150 metri quadrati. L’importo posto a base d’asta è di 5 milioni di euro e il bando prevede che l’acquirente potrà entrare in possesso dell’immobile in due fasi: alla data del primo febbraio 2009 sarà consegnato al compratore il primo lotto, mentre la restante parte dell’immobile sarà consegnata il primo settembre 2010 per permettere il definitivo trasferimento dell’ITG nel nuovo edificio del Pennile di Sotto che, nel frattempo, sarà costruito con il soldi della vendita. L’acquirente infatti dovrà versare 3.850 mila euro almeno 5 giorni prima della stipula del rogito notarile e la rimanente somma entro il 30 giugno 2010.

L’ex casa cantoniera di viale Treviri, costruita negli anni cinquanta, comprende un edificio principale, costituito da due appartamenti indipendenti e da un’autorimessa, per una superficie coperta di circa 380 metri quadrati, e una corte annessa al fabbricato di 535 metri quadrati. L’edificio risulta in buono stato di conservazione anche in considerazione che è stato abitato fino al 2000. In questo caso l’importo a base d’asta è stato fissato in 450 mila euro.

Le offerte dovranno pervenire entro le ore 13 del 30 settembre 2008. Il giorno successivo si procederà all’apertura delle buste.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 598 volte, 1 oggi)