SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Continuano le polemiche in merito alla presunta non regolarità dei bandi per l’assunzione di personale all’interno del Comune. Torna a farsi sentire il consigliere comunale di Forza Italia, Bruno Gabrielli, che, dopo aver richiesto tutte le domande di mobilità volontaria pervenute in Comune e le valutazioni dei dirigenti comunali in merito a tali domande, sostiene carte alla mano che tali valutazioni sono «pervenute tutte ad agosto, l’ultima addirittura il 14 agosto, cioè a due mesi di distanza dalla pubblicazione dei bandi di concorso, che è avvenuta il 12 giugno».
«Tale prassi – spiega Gabrielli – non terrebbe conto dell’articolo 30 del Decreto Legislativo 165 del 2001 che obbliga le amministrazioni, prima di procedere all’espletamento di procedure concorsuali, ad attivare le procedure di mobilità volontaria. Naturalmente solo nel momento in cui i dirigenti non ritengono idonea alcuna persona si passa al bando».
«Mi sono poi chiesto – prosegue il consigliere comunale – se c’è ancora qualche graduatoria valida dalla quale poter attingere qualche posto e l’ho trovata. C’è infatti una graduatoria del 2005, riguardante un concorso pubblico per la copertura di un posto di Istruttore Amministrativo, che scade il 21 novembre del 2008, dalla quale si poteva attingere per tre posti messi a bando come Istruttore Amministrativo. Il Comune non ha obbligo in tal senso, ma ciò dovrebbe essere garantito dalla logica e dal rispetto per le persone presenti in graduatoria».
«Per accelerare i tempi dei concorsi ed economizzare l’azione amministrativa, bastava prendere la graduatoria del 2005, cosa che non è stata fatta», continua poi Gabrielli, che si rivolge anche ai sindacati del settore e annuncia un esposto in Corte dei Conti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.048 volte, 1 oggi)