ASCOLI PICENO – Quando si parla di sole si parla anche di una fonte energetica totalmente gratuita. È necessario quindi che la società si sensibilizzi a puntare sempre di più al ricorso a queste fonti alternative, come ad esempio sta avvenendo nella nostra provincia.

Ubaldo Maroni, assessore al Patrimonio e all’Edilizia scolastica, e Manuela Marchetti, assessore all’aAmbiente della Provincia di Ascoli, illustrano le iniziative prese a riguardo: «Oltre quattro anni fa, la Provincia iniziò progressivamente a dotare il proprio patrimonio edilizio, scuole ed edifici istituzionali, di impianti fotovoltaici, in grado cioè di produrre energia elettrica utilizzando il sole».

«Ora quel progetto, che ha richiesto un investimento complessivo di 7 milioni di euro tra fondi propri, regionali e dello Stato, è stato ultimato sui “tetti” di 22 tra scuole superiori ed edifici istituzionali. Gli impianti – spiega Maroni – sono in grado di produrre complessivamente oltre 900 mila kilowattora annui, il fabbisogno di un piccolo paese, e portano vantaggi sia sotto il profilo economico (la Provincia recupererà l’intero investimento introitando oltre 400 mila euro di incentivi statali annui per vent’anni e risparmiando grazie all’autoproduzione di elettricità) sia ambientale (non si manderanno in atmosfera almeno 600 tonnellate di anidride carbonica ogni anno)».

«I risultati ottenuti danno molta soddisfazione – commenta l’assessore – Ma c’è bisogno di una più forte alleanza tra istituzioni, banche, associazioni di categoria, sindacati, imprese per realizzare e promuovere sistemi per l’energia».

Prosegue Maroni: «A dicembre 2009 infatti, il presidente della Banca di Ripatransone – Credito Cooperativo, Michelino Michetti e la Federazione marchigiana Bcc, organizzeranno un convegno di livello nazionale per esaminare le opportunità di credito, finanziamento e sviluppo del settore del fotovoltaico. Conseguenza della convenzione tra Legambiente e le banche di credito cooperativo firmata in Provincia nel dicembre del 2006 – conclude Maroni – che prevede la concessione di finanziamenti agevolati e l’assistenza tecnica di Legambiente».

Aggiunge l’assessore all’Ambiente Manuela Marchetti: «Con il completamento del piano si avrà così un modello di produzione di energia da fonti rinnovabili coerente con il Piano energetico provinciale che si trova in fase di redazione».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 660 volte, 1 oggi)