MARTINSICURO – Una casa famiglia per accogliere i ragazzi in difficoltà. Il Comune di Martinsicuro riprende un vecchio progetto della precedente amministrazione Maloni per la realizzazione di un centro che ospiti i ragazzi allontanati senza famiglia e permetta loro di avviare un percorso educativo nella propria città e non in vari istituti in località sconosciute.

Sono circa una decina infatti ogni anno i giovani minorenni di Martinsicuro che in seguito a episodi di microcriminalità o di disagio familiare, o perché extracomunitari clandestini e senza una famiglia, vengono affidati dal Tribunale dei Minori a specifiche strutture dove vengono seguiti da personale specializzato. Il Comune quindi si trova a pagare rette che si aggirano intorno ai 250-300 mila euro. Da qui la decisione di istituire un centro proprio a Martinsicuro, ristrutturando l’ex scuola di Campo Casone a Villa Rosa.

La precedente amministrazione Maloni aveva avviato l’iter chiedendo un finanziamento alla Regione Abruzzo facendo rientrare il progetto tra quelli finanziati con la delibera Cipe 35/2005 per la Promozione Sociale. Nel 2006 il Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica avrebbe risposto positivamente assegnando al Comune di Martinsicuro un finanziamento di 250 mila euro per la realizzazione di una struttura socio-assistenziale per i minori a rischio. Ora a distanza di due anni bisognerà accertare se i fondi sono ancora disponibili per la realizzazione del centro.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 994 volte, 1 oggi)