GROTTAMMARE – Il 16 agosto alle 21,30 salirà sul palcoscenico del teatro dell’Energie (ingresso 10 euro) uno dei grandi pianisti del nostro tempo, Michele Campanella, al quale, nel pomeriggio dello stesso giorno presso il Paese alto, verrà conferito il Premio Liszt alla Carriera 2008, con la seguente motivazione. «Campanella, lisztiano d’eccezione, riesce a far valere la natura più profonda delle composizioni del grande compositore ungherese, a restituire tutta l’astratta poesia, governando con assoluta padronanza sia il fantasioso andamento che le dinamiche più sofisticate. E’ un maestro nell’esaltare plastica evidenza e suggestione immaginifica della musica lisztiana, proiettandola in una dimensione di teatro, dell’immaginazione e della memoria».

Il recital sarà incentrato nella prima parte, su composizioni religiose: “Sancta Dorotea”, “Ave Maria”, “Vexilla regis prodeunt”, “La leggenda di San Francesco di Assisi che predica agli uccelli” e “La leggenda di San Francesco di Paola che cammina sulle acque”, quindi nella seconda parte sulle “Rapsodie ungheresi” ( n.12, 3, 10, 13 e 15) brani in un solo movimento, ispirati a temi popolari ungheresi realmente esistenti o a spunti melodici dal gusto magiaro. In questo repertorio Michele Campanella ha davvero ben pochi rivali; quando ad essere richiesti sono velocità e nitidezza percussiva, propone esecuzioni di assoluto riferimento.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 843 volte, 1 oggi)