MARTINSICURO – «In qualità di segretario politico della Sezione di Martinsicuro dell’Unione di Centro, condivido a grandi linee ciò che l’assessore Marcello Monti ha espresso riguardo all’ipotetica “crisi di mezza estate”». Concetto Di Francesco, segretario del circolo locale dell’Udc, interviene in merito alla polemica innescata tra An e il resto della maggioranza Di Salvatore. Nello specifico nei giorni scorsi l’assessore Marcello Monti aveva stigmatizzato l’atteggiamento del vicesindaco Fedeli e dell’assessore De Luca, che si erano pronunciati in materia di sicurezza ritenendo gli interventi effettuati dal primo cittadino insufficienti a rispondere alle esigenze ed aspettative dei cittadini.

«Non prendiamo lezioni da chi, da vero pendolare della politica, alla vigilia delle scorse amministrative è stato per lungo tempo sul convoglio ferroviario di Città Attiva per poi passare, all’ultim’ora, sul nostro», è stata la risposta lapidaria dei due esponenti di An.

Di Francesco interviene quindi per esprimere il proprio punto di vista sulla crisi che, per essere totalmente sanata, dovrà sicuramente essere discussa in un incontro tra i vertici provinciali dei partiti che rientrano nel Pdl.

«Credo che la defaillance dello scorso 21 luglio – spiega Di Francesco – in seno all’assise comunale, non si sarebbe mai verificata se fossero intervenute preventivamente le segreterie dei partiti di maggioranza. La sicurezza è un argomento molto importante che richiede un opportuno approfondimento in sede di riunione della commissione politica.

Riguardo al comportamento dei due assessori De Luca e Fedeli, se da una parte rispetto e posso comprenderne le motivazioni, dall’altra non ne condivido la reazione. Non la condivido, perché sembra espressione di una politica muscolare lontana da un’effettiva risoluzione dei problemi della nostra cittadina.

Per come si è manifestata, è una crisi uscita fuori dal cappello a cilindro, ma i giochi di prestigio appartengono allo spettacolo, non ad una concezione politica seria e responsabile».

Il segretario dell’Udc affronta il tema della sicurezza e invita a distinguere tra la percezione del problema e il vissuto quotidiano con cui si confrontano i cittadini e le forze dell’ordine. Suggerisce inoltre una collaborazione tra gli assessorati ai Servizi Sociali (a cui fa capo Luigino Fedeli) e alla Pubblica Istruzione, Volontariato e Protezione Civile (Marcello Monti) per la realizzazione di una serie di iniziative relative alla sicurezza sociale. Per Di Francesco inoltre un maggiore dialogo tra An e le altre forze di maggioranza sarebbe più costruttivo per la cittadinanza.

«Per rispondere ai chiarimenti richiesti ad An – conclude Di Francesco – ribadisco che è assurdo riportare le beghe della politica nazionale alla realtà locale.

Ricordo che abbiamo vinto grazie ad una lista civica “In Comune con Abramo di Salvatore” composta da esponenti provenienti sia da partiti e sia da gruppi civici apartitici ed è evidente che l’apporto dell’Udc sia stato determinante per la vittoria rispetto ad altri. Con il Pdl collaboriamo lealmente e continueremo a farlo: in questo ci aiuta la comune appartenenza al Partito Popolare Europeo. Lo dimostra il nostro operato».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 472 volte, 1 oggi)