COLONNELLA – La demotivazione dei cittadini a partecipare alla vita amministrativa della città è una delle accuse che a Colonnella il gruppo di opposizione guidato da Matteo Marchetti rivolge alla maggioranza Iustini.

«L’amministrazione comunale – scrivono i consiglieri – fa di tutto per non permettere una partecipazione degli abitanti di Colonnella; se la cittadinanza si allontana sempre di più dalla vita pubblica e si registra un disinteresse ormai allarmante, riteniamo che una delle principali cause sia il modo accentratore e poco partecipativo di fare politica locale, dove meno si comunica e meglio è. La tendenza, anche a Colonnella, è quella di riservare il potere dell’informazione e della conoscenza politica a pochi, e nel caso di Colonnella neanche a tutti i consiglieri comunali».

«Siamo sinceramente sconcertati – prosegue la nota – Il penultimo consiglio comunale si è svolto qualche giorno prima di Natale 2008. Il 30 maggio 2008 è stato fatto un altro consiglio. In quest’ultimo consiglio il sindaco, su sollecitazioni della minoranza, ha garantito che nel giro di due settimane avrebbe convocato un’altra assise civica e soprattutto in orari più congeniali ad una maggiore partecipazione. Ebbene, un nuovo consiglio è stato convocato dopo ben due mesi e alle ore 16».

Il gruppo di opposizione, proprio nel corso dell’assise civica dello scorso 28 luglio ha mosso anche critiche ai lavori di rifacimento dei marciapiedi in contrada San Giovanni in cui evidenziano «ingressi che mancano, ingressi aggiunti non previsti da progetto, attuale carenza di parcheggi, accessi difficoltosi».

«L’impressione – sottolineano – è che l’opera complessiva, promessa da lunghissimo tempo, sia inadeguata a soddisfare le esigenze minime della comunità. Non si può inoltre non prendere atto dell’illuminazione realizzata lungo la strada “Vecchia Salaria”, che ad oggi comunque resta chiusa e praticamente inutilizzabile ».

La minoranza ha chiesto inoltre anche la costituzione di un Consiglio di amministrazione per la società Truentum di proprietà comunale. «Considerata l’importanza in termini economici ed operativi che ormai riveste la società Truentum all’interno della comunità colonnellese, – conclude la nota – e l’importanza dei principi di trasparenza e partecipazione più volte richiamati dallo stesso Sindaco, proponiamo l’istituzione all’interno della Truentum di un Consiglio di amministrazione (a garanzia della partecipazione, trasparenza e controllo), composto da 3 membri di cui uno di nomina del gruppo consigliare di minoranza».

La società infatti, attualmente ha un organigramma costituito da un unico socio (rappresentato dal sindaco), un amministratore unico che già riveste ruoli in altri enti a partecipazione pubblica e la presenza di un unico Direttore.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 533 volte, 1 oggi)