GROTTAMMARE – “Ventiquattro anni e non sentirli” come dice il detto. Ed è vero anche per la XXIV edizione del Cabaret amoremio! – che si terrà dal 1° al 3 agosto al parco delle Rimembranze – sempre fresca e, di contro, sempre più di livello.

«Ormai lavorare assieme al Cabaret amoremio! è come stare in famiglia – spiega Claudio Fois, uno degli autori dei testi dello spettacolo con Savino Cesario – lo facciamo con passione».

Quest’anno la conduzione sarà affidata ad una cabarettista, Teresa Mannino, perfetta per il ruolo al fianco di Savino Cesario, che di lei dice. «Contiamo molto sulla sua verve, sulla sua spontaneità» e che continua «Sono felice che anche quest’anno un momento di ilarità possa dare una mano ai più bisognosi, con il progetto “Un sorriso nel deserto”».

Diverse le novità per questa edizione, a partire dalla location, non più il Giardino comunale, ma il più spazioso Parco delle Rimembranze, la conduttrice, la musica di Bonanni, l’inseirmento del premio Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, il gemellaggio con Sanremo Off.

«In questi anni abbiamo cercato di non far diventare il Cabaret amoremio! un semplice festival della comicità – hanno spiegato il Sindaco Merli e l’assessore Piergallini – ma ci siamo adoperati affinché diventasse anno dopo anno un vero festival dell’umorismo, capace di quell’arte in grado di analizzare la realtà, l’arte di far ridere con intelligenza e consapevolezza».

Non si poteva non parlare dell’Arancia d’oro 2008, Paolo Rossi, che verrò premiato «per aver saputo articolare con intelligenza il teatro classico e contemporaneo in un percorso artistico vivo e popolare, disposto a dialogare con il grande pubblico per sollecitarlo, mai superficiale o disimpegnato, sempre pronto a denunciare le urgenze e le emergenze della società, cosciente soprattutto del ruolo che l’arte e la cultura devono svolgere nella formazione di cittadini consapevoli e responsabili».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 695 volte, 1 oggi)