SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Saltarello, castellana quadriglia, pizzica, circolo circasso e tante altre danze. Il movimento del corpo come strumento di comunicazione: è questo l’intento dell’Associazione socio-culturale Radici Migranti che, in collaborazione con il locale sambenedettese Geko Food&Music, ha organizzato un laboratorio di balli popolari del Nord, del Centro e del Sud Italia.
Per tutti gli assidui frequentatori di piste da ballo si apre la possibilità di apprendere tecnica e passi delle danze più o meno conosciute e popolari.
L’Associazione Radici Migranti, che opera nel campo dell’ educazione interculturale e del recupero e della valorizzazione delle tradizioni popolari, sviluppa con questa iniziativa un percorso iniziato a maggio con il progetto “Il dialogo interculturale attraverso la danza”; progetto che ha coinvolto gruppi di musicisti e ballerini di danze popolari di 5 paesi (Turchia, Portogallo, Lituania, Italia e Grecia) e che mira a facilitare il dialogo interculturale valorizzando le danze tradizionali come veicolo di comunicazione, conoscenza, scambio e socializzazione.
I laboratori saranno tenuti dai giovani professionisti che hanno partecipato al progetto come rappresentanti italiani: Gianni Donnini, noto organettista marchigiano, musicista ed insegnante e Marco Meo, tamburellista e cantante. Tutti gli incontri sulle danze popolari saranno accompagnati da musica dal vivo.
Il corso prevede 3 incontri: lunedì 4 agosto alle ore 21.00, giovedì 7 Agosto alle ore 21.00 e domenica 10 Agosto alle ore 18.30 presso il Geko in via dei Tigli a San Benedetto del Tronto. Ogni laboratorio durerà indicativamente due ore.
Il corso si concluderà Domenica 10 Agosto sempre al Geko con una serata di balli e musica con insegnanti, corsisti e semplici appassionati.
Il corso avrà un costo di 25 euro a cui vanno aggiunti 5 euro per la tessera socio annuale dell’Associazione che dà diritto a partecipare a tutti i corsi, seminari ed eventi organizzati dall’Associazione Radici Migranti.
E’ necessaria la prescrizione la settimana precedente l’inizio del corso inviando una mail a info@radicimigranti.org o telefonando ai numeri 328 8288051 o 347 5989002.
Il corso si attiverà al raggiungimento del numero minimo di 15 partecipanti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.076 volte, 1 oggi)