SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Alleanza Nazionale, per voce dell’esponente Benito Rossi, torna a puntare il dito contro la politica sanitaria della Regione nei confronti del sud delle Marche e contro il progetto di Area Vasta (integrazione di funzioni fra l’ospedale di San Benedetto e quello di Ascoli).

«L’Area Vasta sanitaria territoriale continua a non fornire risposte chiare in relazione alle annunciate prospettive riorganizzative. Dalle esperienze avute sul territorio nazionale l’Area Vasta territoriale trova maggiori riscontri per ciò che riguarda l’acquisto di beni materiali mentre per ciò che concerne la diversificazione di offerta sanitaria si ha la netta impressione che il sud delle Marche debba gestire l’esistente senza ulteriori possibilità di eccellenze o miglioramenti. Chi continua a parlare di Area Vasta, mente e sa di mentire. Dove sta la Neurochirurgia Territoriale? – chiede Rossi – Dove sta la Cardiochirurgia Territoriale? Nell’esempio di questi due casi si continuano a trasferire pazienti presso l’Ospedale Torrette di Ancona a qualsiasi ora del giorno e della notte ed in questo la Cardiologia possiede il primato».
Rossi poi lancia altre critiche: «Se l’efficacia programmatica generale della sanità territoriale si affianca ai tempi avuti per impiantare la nuova Tac allora si capiscono bene le intenzioni politiche del governo regionale per questa zona. Infatti ci ritroviamo ancora un Tir con la Tac mobile posta sul piazzale dell’ospedale civile ed in attesa dei biblici tempi di ristrutturazione dell’area emergenza. Non si può aspettare ulteriore tempo, chiederemo chiarezza sui risultati ottenuti dalla tanto decantata area vasta».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 647 volte, 1 oggi)