GROTTAMMARE – A Riccione i villeggianti che raggiungono la città in treno, aereo o pullman per un soggiorno di almeno una settimana, ricevono di diritto un rimborso pari al costo del viaggio di andata, e per chi rimane due settimane il rimborso comprende anche quello di ritorno.

A farlo notare è il gruppo di opposizione Grottammare futura: «A Riccione sì, ma per Grottammare ed i suoi operatori turistici non è possibile attuare un accordo analogo: il fatto è che, scesi dal treno, non esiste servizio pubblico –manco a pagarlo oro-che possa accompagnare il turista a destinazione. Nessuna linea urbana parte o arriva alla Stazione. Si, nel piazzale attiguo è stato creato un parcheggio: magari potrebbe avere funzioni di scambio: cioè lascio l’auto e prendo il bus. Ma se non si riesce nemmeno a far funzionare i piccoli traffici locali che ne sarà dei grandiosi progetti della metropolitana di superficie?».

Interviene anche Umberto Scartozzi, presidente dell’Associazione operatori turistici di Grottammare:«Ha ragione Grottammare Futura quando parla di mancanza grave di questo importante servizio turistico, il problema della nostra cittadina è una scarsa attenzione da parte del Comune a quei servizi turistici che contano, manca una seria programmazione del turismo e della sua promozione alla quale noi operatori privati del turismo possiamo fare ben poco da soli».

Scartozzi individua anche altri due problemi relativi al trasporto:«Tutto il lungomare sud non risulta un luogo aperto al pubblico (bar, tabacchi, chalet) dove poter acquistare i biglietti della linea urbana dell’autobus. In pratica i turisti non sanno a chi rivolgersi e come fare. Inoltre i bidoni della raccolta del vetro (bottiglie…) presenti sul Lungomare Sud accanto agli Chalet vengono svuotati intorno alle ore 6 di mattino, producendo nel silenzio assoluto un rumore lancinante e improvviso che disturba il sonno ed il riposo dei turisti presenti nelle strutture ricettive prospicienti, ogni due giorni si ripete per tutta l’estate».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.418 volte, 1 oggi)