SAN BENEDETTO DEL TRONTO – E’ stato approvato dalla regione il nuovo bando per il finanziamento del sistema produttivo locale, a cui possono partecipare le imprese ubicate nella regione Marche. Lo hanno potuto annunciare, con grande soddisfazione, il vice-presidente della Provincia, Emidio Mandozzi, Desiré Basili della Confartigianato e Francesco Vagnoni, presidente del Comitato di Coordinamento del Distretto Agroindustriale di San Benedetto.

«Saranno stanziati massimo 450 mila euro, ed è obbligatorio presentarsi in gruppo. Questa limitazione è utile per abituare il distretto a progettare insieme. Il Coico fa delle proposte, ma ha bisogno di essere aiutato dalle imprese, dall’università – esordisce Vagnoni, presidente del Coico – L’idea è quella di coinvolgere il territorio e di farlo crescere, ed occorre investire affinché ciò avvenga. Soprattutto si devono programmare dei progetti di comune accordo con la provincia per far conoscere i nostri prodotti».

«Per quanto riguarda il settore calzaturiero – spiega la Basili – tutti i programmi regionali sono stati approvati, ad eccezione di quelli dell’ascolano che, sono stati tutti bocciati. Di quelli del fermano, invece, ne sono stati accettati soltanto alcuni. I bandi devono, quindi, essere più in linea col territorio, più realizzabili. Non servono consorzi o cooperative, basta un’acli»

«Inoltre non basta produrre, serve un committente che pubblicizzi, promuova i nostri prodotti in Italia e all’estero» spiega Mandozzi. «Si dovrebbero fare accordi con i nostri supermercati – gli fa eco Basili – perché vendano cose prodotte nel nostro territorio, prodotti locali, marchigiani e soprattutto ascolani».
«Serve anche ai clienti, ai compratori, per riscoprire i prodotti del luogo continua Mandozzi – Ne abbiamo tanti, anche l’acqua Nerea fa parte dei prodotti marchigiani; se si vendessero i prodotti locali aumenterebbe anche la produzione, e di conseguenza le imprese assumerebbero nuovi dipendenti, e l’economia potrebbe rialzarsi piano piano».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 490 volte, 1 oggi)