CUPRA MARITTIMA – Ancora successi per il progetto “Parnaso”. Si tratta del corso finanziato dal Fondo Sociale Europeo che ha lo scopo di formare e riqualificare gli operatori museali della Sardegna accompagnati da una esperienza sul campo Piceno. Dopo Nuoro, Cagliari e Oristano, questa è la volta di Villanovaforru. I quindici operatori museali che partecipano al corso di formazione hanno avuto la possibilità in queste settimane di luglio, di percorrere in lungo e largo il nostro territorio visitandone i luoghi di maggior interesse storico culturale.

I ragazzi hanno potuto notare le differenze tra il sistema di gestione museale Piceno e quello della loro regione: «Qui da voi si dovrebbe investire di più sulla manutenzione, avete un ricco patrimonio culturale e proteste anche registrare un maggior numero di presenze con una gestione più accurata».

Con stupore poi sottolineano che «nel Piceno moltissime realtà culturali sono mandate avanti dal volontariato e dalla passione del privato, dovrebbero però essere appoggiati economicamente dagli enti pubblici così da poter funzionare meglio». Concludono gli operatori: «Le Marche, con i suoi teatri, le chiese e i borghi medioevali, andrebbe valorizzata di più , anche con una maggiore promozione».

È grazie ad esperienze come questa, consigli e osservazioni, che un territorio può trovare lo stimolo per crescere a migliorare.

I ragazzi di Villanovaforru saranno alla scoperta del nostro territorio fino a martedì 22 luglio, quando cioè parteciperanno alla conferenza stampa sul progetto Parnaso che si terrà ad Ascoli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 410 volte, 1 oggi)