GROTTAMMARE – Andrea Bucchi (21/07/1983) e Davide Traini (ex capitano del Grottammare, 5/10/1982), hanno messo nero su bianco con la Santegidiese, dopo aver ottenuto lo svincolo dalla società biancoceleste.

I capocannonieri della squadra rivierasca (14 reti bomber Bucchi e 12 gol Traini), hanno confermato la notizia e, approfittando dell’intervista, hanno voluto fare un saluto alla piazza e ai tifosi del Grottammare.

Bucchi, ci conferma che lei e Traini siete passati alla Santegidiese?
«Si, confermo che abbiamo già firmato, ma non so se la società lo ha ufficializzato. Ma è inutile nasconderlo, l’anno prossimo indosseremo la casacca giallorossa abruzzese».

Vuole salutare i suoi ex tifosi?
« Certo, anche perché ho vissuto una bellissima esperienza in una piazza davvero generosissima e tranquillissima. Ci ho passato solamente un anno, ma è stata una stagione memorabile, non solo per il mio contributo personale di 14 segnature, ma per l’intera squadra che ha sfiorato un sogno, raggiungendo comunque un traguardo impensabile all’inizio. Ringrazio società e tifosi. Mi rimarrà sempre il ricordo di una bella avventura».

Proseguiamo con capitan Traini.
Ci conferma che lei e Bucchi avete già firmato per la Santegidiese?
«Si si confermo, abbiamo firmato, è per noi una nuova avventura».
Vuole salutare la sua ex squadra e il suo ex pubblico?
«Ma certo. Sono emozionato, io ci sono cresciuto in questa società. Prima di diventarne il capitano ho giocato nelle giovanili biancocelesti. Saluto tutti con affetto. Sarà difficile per me trovare in futuro una società come questa, che mi ha fatto sentire come a casa mia, dal presidente al magazziniere. Mi rimarranno nel cuore questa squadra e questa piazza. Saluto anche i tifosi che ci hanno sostenuto, crescendo di anno in anno. L’ultima è stata una stagione indimenticabile, irripetibile, e forse è giusto che me ne sia andato dopo una stagione fantastica come quella 2008, perché era impossibile restare e pensare di far meglio».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 980 volte, 1 oggi)