SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Gli operai della ex Surgela sono preoccupati di non poter riprendere la produzione per conto della Green Garden di Alessandro Pignoletti.
Il ripristino della produzione è compromesso dalla mancanza dei macchinari agricoli per la raccolta di fagiolini e borlotti, in previsione per agosto e settembre.
«Il nodo delle trebbie – chiedono le maestranze in una nota – deve essere sciolto subito. Come ha ben sottolineato il vice Presidente della Provincia Mandozzi, possibile che siano più importanti quattro trebbie che le 80 famiglie di lavoratori»?
Anche PIgnoletti ha ribadito l’importanza di una rapida soluzione del problema. I macchinari, di proprietà di una società del gruppo Malavolta, attualmente non sarebbero stati divisi fra la ex Surgela e la Marollo di Rotella.
«Tuttavia in una delle ultime udienze al Tribunale di Ascoli era stato raggiunto dalle parti un accordo verbale condiviso anche dai Malavolta, secondo il quale le trebbie sarebbero state equamente divise, secondo l’anno di fabbricazione e per tipologie. Lo stesso giudice aveva ribadito che gli stabilimenti dovevano avere la possibilità di sopravvivere entrambi: ciò viene garantito solo alla Marollo,con l’acquisizione delle trebbie. Ci riserviamo ulteriori inIziative di lotta».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 654 volte, 1 oggi)