CUPRA MARITTIMA – Lo chalet cuprense “La Perla” è risultato vincitore, insieme ad altri sei stabilimenti balneari in tutta Italia, del premio Fee Italia-Fiba-Sib per la sostenibilità ambientale.
Il responsabile della Fee, il professor Claudio Mazza, ha consegnato il premio ai titolari durante una cerimonia. «Nell’ambito dell’assegnazione della Bandiera Blu – spiega il professore – quest’anno abbiamo voluto premiare gli operatori balneari che hanno saputo conciliare qualità del servizio e compatibilità ambientale della struttura».
Prosegue Mazza: «Oggi il mercato del turismo punta alla sostenibilità. Non solo dunque qualità dell’acqua, ma anche sistemi di depurazione, l’assistenza ai bagnanti, la gestione del territorio, la raccolta dei rifiuti, e tanti altri fattori che il turista oggi valuta con attenzione».
«Un’altra medaglia che riempie di orgoglio Cupra – commenta il sindaco Giuseppe Torquati  – questo riconoscimento infatti arriva per noi come una doppia sorpresa, perchè non ne conoscevamo l’esistenza e perchè il nostro Piano particolareggiato di spiaggia riguardo le strutture balneari era rimasto un po’ indietro».
Conclude il sindaco: «Il merito in ogni caso va ai proprietari della struttura, ovvero Sergio e Gino Spina, che da sempre costruiscono “a norma”».
Alla premiazione erano presenti anche l’assessore all’Ambiente Matteo Gualano, l’assessore al Turismo Aurelio Ricci, l’architetto progettista dello chalet Nicola Piattoni, i titolari (e costruttori) della struttura Gino e Sergio Spina.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 445 volte, 1 oggi)