SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Più rapido della pioggia, più forte dell’amico e compagno di allenamenti Diego Junqueira e, da lunedì, dentro i top 100 del ranking ATP: l’argentino Maximo Gonzalez si aggiudica la Carisap Tennis Cup al Circolo Tennis Maggioni, una vittoria che gli è valsa oltre 3200 euro e 55 preziosi punti ATP per entrare, per la prima volta in carriera, tra i primi 100 giocatori del mondo.
Il numero 1 del tabellone ha conquistato l’accesso alla finale nella serata di sabato, domando in due set il “francesone di Russia” Alexandre Sidorenko, che aveva impressionato durante la settimana con il suo tennis potente ed estremamente efficace. Junqueira aveva superato nel pomeriggio, in tre set, l’italiano Stefano Galvani.

La finale di domenica aveva cinque precedenti, tutti disputati sulla terra: Gonzalez ne aveva vinti tre, avendo perso l’incontro più recente, in finale quest’anno a San Remo, 6-2 6-4 per Junqueira.

La finale al Maggioni è stata una partita intensa e divertente, tra due atleti dal gioco simile ma sufficientemente vario per offrire spettacolo.

Avvio targato Gonzalez, (3 a 0 e poi 4-1), Junqueira sembrava provato dalle fatiche di due settimane di tennis quasi senza pause (finale a Torino e quindi San Benedetto): recuperava uno dei due break ma Gonzalez chiudeva 6-4 con una sventagliata di diritto che trovava le righe dopo 40 minuti di gioco.

Nel secondo set Junqueira strappava per primo il servizio al sesto game ma restituiva subito il break e sul 5 pari perdeva nuovamente la battuta a 0, in un game nel quale avrebbe infilato tre errori di diritto in quattro punti. Gonzalez arrivava al match-point, che falliva con una palla corta in rete, allungando il match al tie-break.

L’argentino di Tandil, testa di serie numero 3, si portava avanti 4-1, poi 5-3 ma da qui Gonzalez avrebbe infilato quattro punti consecutivi per chiudere definitivamente la partita quando arrivavano le prime gocce di pioggia.
IL DOPPIO Paolo Lorenzi e il brasiliano Julio Silva si sono aggiudicati la finale contro la coppia formata dal rumeno Gard e dall’austriaco Raditschnigg (6-3, 7-5).
I COMMENTI «E’ stato un torneo che ha offerto spettacolo nello spettacolo – ha poi riassunto il sindaco di San Benedetto Gaspari durante la premiazione – spettacolo in campo e spettacolo sulle tribune grazie a questa splendida cornice di pubblico».

Alla premiazione ha partecipato anche il campione olimpico Yuri Chechi, socio del Maggiori e grande appassionato di tennis.

LA PROSSIMA EDIZIONE Il Circolo Maggioni pensa già all’edizione del prossimo anno. Il presidente Pierluigi Tassotti traccia un bilancio positivo della manifestazione che ha riportato, dopo 3 anni di assenza, il grande
tennis ATP a San Benedetto.

«Il torneo ha avuto un ottimo tabellone per la sua categoria e molti protagonisti a ridosso dei primi 100. Ed il pubblico ci ha premiato riempiendo gli spalti. Per coprire il budget abbiamo ricevuto un importante aiuto dalla Carisap, dal presidente Domenico Malavolta e dal direttore Mazza. E poi il Comune è stato molto presente, come è stato per Regione, Provincia e Camera di Commercio».

L’edizione 2009 è già una certezza: «Tutto è migliorabile. Già la prossima settimana ci metteremo a tavolino per discuterne. A livello di strutture il circolo avrebbe bisogno di offrire più servizi agli atleti e ci muoveremo in quest’ottica. L’anno prossimo, intanto, sarà pronta la nuova palestra, quindi ci sarà già qualcosa in più. Il Villaggio ospitalità è un’altra
area dove possiamo migliorare. E stiamo anche pensando alla possibilità di crescere come montepremi, ma di questo è ancora molto prematuro parlare».

Per il Maggioni, c’è anche una lunga tradizione da confermare: «Vogliamo continuare ad essere all’altezza
della nostra storia – dice Tassotti – abbiamo ospitato la Coppa Davis e campioni come Panatta, Nastase, Barazzutti, vogliamo rinverdire questa tradizione».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.773 volte, 1 oggi)