SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La musica, la danza, i colori e la cucina dell’oriente, protagonisti della sesta edizione del festival “Da Oriente a Occidente una danza per la pace” che si conclude sabato 12 luglio con una cena libanese, organizzata dall’associazione culturale sambenedettese “Maeva” presso il bed & breakfast “Giardino Erboso” di Monsampolo.

Dopo il successo ottenuto dalle danzatrici del “Centro Asani” di San Benedetto, coordinate da Paola Sguerrini, in arte Najma Asani – fondatrice dell’accademia di danza orientale “Centro Asani” e dell’associazione culturale “Maeva” – nella serata del 1 luglio al “Parco del Cardeto” di Ancona e i vari seminari di danza tenuti presso il centro, la cena mediorientale sarà dedicata al Libano, terra di grandi tensioni ma anche di grande bellezza e cultura.

La cucina mediorientale nel suo complesso deve molto alla creatività della cucina libanese, che insieme a quella palestinese e siriana, è ricca di verdure. Nella cena organizzata dall’associazione si potranno assaggiare Hommus e Baba Ghannoush (crema a base di ceci e sesamo) Mutabbal (crema a base di melanzane, aglio e sesamo) Muhammara (crema a base di noci e peperoncino) Tabuleh (insalata di prezzemolo, pomodoro, farro con feta), Falafel (polpetta vegetariana), Kebbeh (polpetta di carne e farro ripiena con carne e pinoli)
Durante la serata le migliori danzatrici del festival si esibiranno liberamente con pezzi di danza orientale e Dabka libanese .

La cena è aperta a tutti, per la prenotazione è possibile chiamare il bed & breakfast “Giardino Erboso” di Monsampolo, tel. 0735 702425

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.266 volte, 1 oggi)