SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo l’episodio di scippo avvenuto nel sottopasso ciclabile di via dell’Airone, in zona Sentina, il consigliere comunale dei Verdi Andrea Marinucci afferma: «E’ da più di un anno che segnalo alla Polizia Municipale come il sottopasso di via Airone sia diventato terreno fertile per baby-gang e micro-criminalità. Motoveicoli che sfrecciano ad alta velocità in barba al divieto di transito, i muri imbrattati in maniera volgare ed indecente, siringhe abbandonate lungo il tratto sotterraneo, ragazzini che importunano gli anziani che passano con le biciclette e pericolose infiltrazioni d’acqua fanno sì che l’importanza dell’opera pubblica in materia di viabilità venga sopraffatta dalla mancanza di ogni garanzia di sicurezza. Il Comando di Porto d’Ascoli non ha mai presidiato la zona in maniera continua ed efficace: al quotidiano transito degli scooter nel sottopasso (vietatissimo) non corrispondono adeguate multe».

Marinucci aggiunge: «Il sottopasso di via Airone è spesso frequentato da persone disabili che lo attraversano in carrozzina per raggiungere il centro o le zone di Mare: dobbiamo aspettarci una disgrazia affinché la Polizia Municipale prendi in seria considerazione la pericolosità del luogo? D’estate è alta la concentrazione dei Vigili Urbani nei pressi del Lungomare, ma credo che sia prioritario tutelare la sicurezza di tutti gli abitanti di San Benedetto del Tronto compresi quelli della periferia e non soltanto le zone frequentate dai turisti. Inoltre voglio segnalare il reiterato ritardo dell’amministrazione provinciale nei lavori di ristrutturazione del sottopasso che è oggetto di pericolose infiltrazioni d’acqua anche in periodi di siccità».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 585 volte, 1 oggi)