SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Un progetto innovativo per integrare il turismo dell’entroterra con il mare: “Marinas” ha l’obiettivo di costruire una rete di soggetti pubblici e privati per promuovere il mare Adriatico quale “mare di unione e di continuità”. Verrà distribuito ai turisti del diportismo nautico e croceristico, del materiale promozionale, con itinerari che, partendo dal mare, si collegano alle realtà storico-culturali, enogastronomiche e folcloristiche del territorio piceno. Le informazioni saranno disponibili in versione non solo cartacea ma anche attraverso notizie da “caricare” su lettori tipo “iPod”, da noleggiare presso le associazioni nautiche.

Capofila del progetto comunitario “Marinas” (Modelling Adriatic Routes Integrating Networks and Areas in the Adriatic Sea) è la Provincia di Ancona, ma l’iniziativa coinvolge anche le Province di Ascoli Piceno, Venezia, Teramo e Lecce, la Camera di Commercio di Ancona, l’Agenzia di Sviluppo Marche SVIM, il Consiglio regionale di Durazzo (Albania), il comune di Bar (Montenegro), la Camera di Commercio di Uzice (Serbia) e la contea di Spalato Dalmatica (Croazia).
Tra le azioni già sviluppate dalla Provincia Picena ci sono quelle legate all’individuazione di percorsi che si snodano dai due principali porti del territorio: San Benedetto e Porto San Giorgio.

Le modalità tecniche dell’iniziativa sono state discusse a San Benedetto, presso la sede sociale del Circolo Nautico sambenedettese: un incontro tecnico promosso dall’amministrazione provinciale di Ascoli, partner del progetto, a cui hanno partecipato l’assessore alle Politiche comunitarie Nino Capriotti, il dirigente del Servizio Giampaolo Emidio Paoletti, il presidente del Circolo Nautico Paolo Tartaglini, la responsabile dell’ufficio Europa della Provincia Lorella Bovara, Maria Cristina Vennera della provincia di Ancona , il direttore di “Piceno Sviluppo” Giorgio Rocchi.
L’incontro ha coinvolto le associazioni che si occupano delle darsene dei porti piceni per discutere la modalità di diffusione del materiale informativo e consentire ai turisti del mare la piena fruizione dei percorsi turistici integrati.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 383 volte, 1 oggi)