CUPRA MARITTIMA – Protagonista della miracolosa salvezza del Comunanza lo scorso campionato, si è conquistato stima e fiducia grazie al suo temperamento forte e deciso, Andrea De Angelis vuole riprovarci al comando della Cuprense.
Per il nuovo mister si tratta di un gradito ritorno: tre anni fa era un giocatore alla corte dell’allora tecnico Gianni Clerici. L’ex giallorosso vanta un passato in C1, C2 nonché nelle categorie minori e una presenza in Serie A con il Messina nel lontano ‘89-’90.
Cos’è che l’ha spinta a lasciare Comunanza e accettare la Cuprense?
«Soltanto per la categoria. Il mio vuole essere un modo per migliorare, confrontarmi e capire quali sono le mie potenzialità».
In Eccellenza è la sua prima volta? Non ha qualche timore?
«Da allenatore ho fatto due anni di Promozione, con Tortoreto e Comunanza. Se avessi avuto paura non avrei accettato. Anzi mi sento carico e stimolato, il nostro obiettivo primario è la salvezza poiché come neopromossa non si può chiedere di più».
Che tipo di rosa intende allestire?
«Una squadra mista fatta di giovani ed esperti. Non stravolgeremo l’ossatura del gruppo dello scorso anno. Andremo a dare quel tocco di esperienza restando in attesa di sorprese da parte dei ragazzi più giovani».

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 679 volte, 1 oggi)