GROTTAMMARE – «A questa domanda non mi sento per ora di rispondere»: così un febbricitante Amedeo Pignotti, presidente del Grottammare, risponde alla nostra domanda circa un suo possibile acquisto della Fermana Calcio 1920, attualmente in Promozione. Se così fosse ne farebbe le spese il Grottammare che verrebbe relegato nella serie dei canarini fermani i quali invece andrebbero in serie D.
Si rincorrono infatti voci non confermate su un futuro difficile della società nel prossimo campionato di serie D, dove la squadra ha concluso l’ultimo torneo con un più che dignitoso quinto posto e la partecipazione ai play off.
Quindi ci sarebbe un passaggio di capitale come successe ad esempio, citando affari più prestigiosi e famosi, a Zamparini che acquistando il Palermo calcio passò il capitale tecnico del Venezia, sua precedente società, ai siciliani. Non si esclude nemmeno una fusione tra Fermana e Grottammare, anche se questa sembra una ipotesi più remota.
Pare inoltre che il d.s. Pino Aniello non sarebbe stato riconfermato così come sembra difficile la riconferma dell’allenatore Izzotti già in rottura alla fine dello scorso campionato. Sembrano invece certi i rinnovi in tema di giocatori di capitan Traini e del portiere Domanico, mentre assai sicure sembrerebbero le partenze di Napolano, Lopetuso e Tealdi. Difficile anche la riconferma di Andrea Bucchi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 835 volte, 1 oggi)