ROMA – Lascia due figli, la moglie e tutte le persone che si erano affezionate alla sua voce avvolgente, chiara e precisa, impostata ma mai affettata. Stiamo parlando di Claudio Capone, una grande star del doppiaggio italiano.
E’ morto a 55 anni, mentre si trovava in Scozia, nella città di Perth. Si è sentito male nel sonno sabato 21 giugno, e un male improvviso se lo è portato via dopo due giorni di sofferenza.
Voce narrante di documentari di storia, archeologia, caccia, nell’ambito di serie televisive molto note, come Superquark. Geo & Geo, L’ispettore Barnaby, Wild at heart, Beautiful (doppiava il personaggio di Ridge), Guerre Stellari (sua la voce di Luke Skywalker nella serie italiana), Oscar Wilde nel film Wilde, Francesco Giuseppe nella trilogia Sissi.

Gli amici e i collaboratori lo ricordano felice, durante i suoi ultimi giorni su questa terra, a praticare una sua grande passione, la caccia. Ed in Scozia, terra nobile per l’arte venatoria, Capone si è congedato dopo un soggiorno che sicuramente avrà amato molto.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 6.138 volte, 1 oggi)